Lasciti solidali

UN ATTO D’AMORE CHE DURA NEL TEMPO

Un lascito testamentario è un gesto d’amore e di responsabilità che può cambiare la vita delle persone che più ne hanno bisogno senza ledere i diritti dei propri cari: per lasciare un segno di sé e dei propri valori nel tempo, aiutando le persone più care o le cause che ci stanno più a cuore.

 

UN ATTO SEMPLICE, LIBERO, SEMPRE REVOCABILE

Spesso si è un po’ intimoriti da questa scrittura, si ritiene che il testamento sia un atto complesso e costoso, si crede che una volta fatto non sia più modificabile o, semplicemente, lo si considera superfluo e poco utile. In realtà il testamento è un atto semplice, libero, sempre revocabile, e serve a pianificare meglio il futuro dopo di noi, a tutelare la nostra volontà insieme alla nostra famiglia.

Fare testamento permette di decidere come gestire i propri averi per il futuro, nel rispetto dei propri ideali e della legge. Una parte del patrimonio spetta agli eredi legittimari  – cioè coniuge, figli o, in assenza di questi, genitori – mentre una quota, detta “disponibile”, può sempre essere destinata secondo la propria volontà.

In mancanza di eredi entro il sesto grado di parentela, e in assenza di disposizioni scritte, i beni passano per legge allo Stato Italiano.

Fare un lascito solidale non vuol dire necessariamente donare l’intera quota disponibile. È possibile decidere di lasciare anche solo una parte di essa. Ecco cosa si può lasciare:

  • una somma di denaro, fondi di investimento, titoli, azioni, il TFR;
  • un bene mobile, come un’opera d’arte, un gioiello o anche un arredo o un’automobile;
  • un bene immobile, come un appartamento, un terreno, un fabbricato;

 

COME FARE?

Le forme di testamento più comunemente utilizzate sono due: il testamento olografo e il testamento pubblico.

 

Il testamento olografo

Il testamento olografo è la forma più semplice: il testatore deve scrivere di proprio pugno l’intero documento, datarlo (giorno, mese e anno) e firmarlo (nome e cognome). Per evitare che venga smarrito o sottratto è consigliabile depositare l’originale presso un notaio informandone una persona di fiducia.

Bisogna tener presente che due persone non possono fare testamento con un unico atto ma devono esprimere le proprie volontà con due scritti separati.

 

Il testamento pubblico

Il testamento pubblico è la forma più sicura: viene redatto direttamente dal notaio alla presenza del testatore e di due testimoni e resta per legge depositato presso lo studio notarile. Il testamento pubblico ha la stessa validità del testamento olografo, ma rispetto a quest’ultimo ha il vantaggio della competenza specifica in materia successoria del notaio che può suggerire le soluzioni migliori, evitando eventuali disposizioni nulle perché in contrasto con le norme di legge.

È importante sapere che è sempre possibile modificare, in qualsiasi momento, le clausole del testamento (ad esempio con la formula “revoco ogni mia precedente disposizione”).

 

 

I LASCITI SOLIDALI

Per chi lo desidera, il testamento può essere lo strumento attraverso il quale ricordarsi per sempre dei bambini e delle famiglie assistite quotidianamente dalla Fondazione Paideia. Un lascito è il segno di un legame forte che dura nel tempo e permette a Paideia di consolidare il proprio impegno e rendere ancora più incisivi i propri interventi. I fondi ricevuti tramite i lasciti testamentari vengono trasformati in attività e progetti duraturi a favore dei bambini e delle famiglie in difficoltà che gli operatori della Fondazione Paideia incontrano ogni giorno. Un lascito è un gesto semplice, ma può rappresentare una forma di sostegno che ha un impatto straordinario ed è una grande garanzia di continuità nel tempo.

In presenza di eredi è possibile lasciare alla Fondazione Paideia uno o più beni, mentre in assenza di eredi legittimari si può nominare Paideia quale erede universale.

RICHIEDI LA NOSTRA GUIDA AI LASCITI

Per rispondere a tutte le domande più frequenti abbiamo realizzato una guida ai lasciti testamentari.

Per richiederne una copia puoi chiamare il numero 011-0462400 o scrivere a sostenitori@fondazionepaideia.it.

 

CONTATTACI

Per conoscerci meglio ti invitiamo a contattarci per un incontro personale con il Direttore della Fondazione, Fabrizio Serra. Puoi chiamare direttamente il nostro ufficio al numero 011-0462400.

Seguici anche su:
Resta in contatto con noi

Lasciando i tuoi dati riceverai comunicazioni sulle iniziative e i progetti della Fondazione Paideia

NEWSLETTER